6 maggio 2018 - ore 21

6 maggio 2018 – ore 21

6 maggio 2018 ore 19.00a
in collaborazione con SIMC Italia

Maurizio Barbetti, viola
Francesco Cuoghi, chitarra
Keiko Morikawa, soprano

Andrea Talmelli             da “Erranze d’amore”
(1950)                          Interludio (2017)

Daniele Venturi             Mafr (2018) prima esecuzione

Francesco Schweizer       Hommage à C. M. (2017) per viola sola
(1965)                                 Da “Pur ti miro” di Claudio Monteverdi

Anastasija Kadisa                   “Romance” per viola e tape per viola sola

Domenico Guaccero       Da cantare (1970)
(1927-1984)                      Elenchi e Teledramma
                                            per chitarra e soprano

Paolo Ricci                    Ballo Concertato (2017)
(1949)                             (da “Tirsi e Clori” di C.Monteverdi)
____
Keiko MORIKAWA – soprano
Si è diplomata in canto al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma nel 1995. Alle esperienze teatrali negli anni si affiancano le partecipazioni a lavori sinfonici tra i quali ricordiamo “Zum Fest der Heiligen Caecilia”di F.C.H. Mendelssohn per Radio Vaticana e “Szenes aus Goethes’ Faust” di Robert Schumann con la direzione di Jeffry Tate , per la RAI di Torino.Dal  2001 collabora con il Freon Ensemble diretto da Stefano Cardi con il quale ha eseguito fra l’altro, “Le marteaux sans maître” di Pierre Boulez  per il Teatro Comunale di Ferrara, “Hymnen” di Carla Magnan e Carla Rebora per Radio3 RAI. Nel 2005 ha preso parte al Festival Giacinto Scelsi della Fondazione Isabella Scelsi eseguendo “Litanie” per 2 voci femminili con Valentina Pesciallo e “Lilitu” per voce sola. Nel 2006 ha preso parte al Corso di Composizione tenuto da Azio Corghi all’Accademia Chigiana di Siena come voce nell’ensemble residente eseguendo le composizioni dei corsisti al concerto finale.. Nel 2007 ha preso parte al progetto della Fondazione Isabella Scelsi eseguendo “The Rothko Chapel” al Palazzo delle Esposizioni a Roma e al Ravenna Festival 2008 sotto la direzione di Roberto Gabbiani. Dal 2008 collabora con Piero Mottola e ha eseguito i suoi brani al Museo  Hermann Nitsch della Fondazione Morra di Napoli,alla Fondazione Pastificio Cerere di Roma, alla facoltà dell’Ingegneria alla Sapienza di Roma,alla Casa dell’Architettura presso il Teatro Acquario di Roma e all’inaugurazione della galleria Spazio 13 di Varsavia in Polonia,all’Auditorium della Discoteca di Stato,Pelanda,Macro. Nel 2010 ha preso parte al concerto monografico di Ivan Vandor con Contemporartensemble diretto da Mauro Ceccanti  trasmessa dalla Radio 3 RAI . Nel 2011 ha preso parte al laboratorio Self  tenuto da Daniele Bravi presso al Teatro Everest di Firenze eseguendo i brani composti dai corsisti. Ha inaugurato la quarta edizione del Festival Poiesis di Fabriano eseguendo la prima esecuzione assoluta “1150”di Giorgio Battistelli. Nel 2011 debutta nella decima edizione del Festival Internazionale di Musica e Arte sacra eseguendo “Stabat Mater” di Luigi Boccherini per soprano e archi nella Basilica di S.Giovanni in Laterano a Roma, e apre la stagione 2011/2012 del Taetro di Lugo eseguendo “Petite Messe Solennelle” di Gioacchino Rossini nella versione originale. Nel 2013 ha preso parte dell’opera “Fadwa” di Dimitri Scarlato alla Filarmonica Romana,e ha eseguito i brani finalisti del Concorso Evangelisti organizzato da Nuova Consonanza .

Ha eseguito la prima assoluta di Paolo Vivaldi “Missa Breivis”.Nel 2014 debutta in “Pierrot Lunaire” di A.Schoenberg al Teatro Sala Uno di Roma diretto da T.Fantasia. Nel 2015 ha preso parte al Masterclass di composizione tenuto da Daniele Bravi presso i corsi estivi a Norcia eseguendo i brani dei corsisti con il Lost Quartett.

Nel 2016 ha preso parte al Masterclass di composizione tenuto da Daniele Bravi presso Campli International Music Project eseguendo i brani dei corsisti con Luca Sanzò(viola) e Maurizio Paciariello(pf).

 

Fa parte della Cappella Ludovicea di Trinità dei Monti e S.Luigi dei francesi diretto da Ildebrando Mura


MAURIZIO BARBETTI
  Dopo il Diploma di  Viola frequenta i Ferienkurse di Darmstadt studiando con Stefan Georghiu e Irvine Arditti; quest’ultimo gli consegnerà il Darmstadt Preis nel 1992. Nello stesso anno vince anche il Premio Internazionale di interpretazione Iannis Xenakis di Parigi.                                                                                               Ha inoltre studiato Sociologia, Fenomenologia, Psicologia e Pedagogia della Musica al Conservatorio di Perugia con, fra gli altri,  Anna Maria Freschi.  Ha insegnato nei Conservatori di Mantova, La Spezia, Matera, Istituto Pareggiato di Reggio Emilia e Accademia della Musica di Milano

Si è  esibito come solista nelle più importanti sale del mondo: La Scala di Milano; Filarmonica di Berlino; Radio di Berlino; Mozarteum di Salisburgo; Opera di Nizza; Biennale di Venezia; Fondazione Gulbenkian di Lisbona; Amburgo (Staatsoper); Cochrane Theater di Londra; Darmstadt; Koln (Wdr); Witten, Francoforte; Hannover; Heilbronn; Rottenburg (Sudwestfunk); Wurzburg; Bonn; Bremen (Radio Bremen); Dresda; Lipsia; Monaco (Konzerthaus, registrando per la Bayerisher Rundfunk il concerto per viola di K.K. Hubler diretto da Robert HP Platz); Friburgo; Baden Baden; Bamberg; Belfast (Bbc); Parigi (Radio France); Strasburgo (Parlamento Europeo); Lyon (Grame); Orleans (Semaines Musicales Internationales); Lille; Siena (Accademia Chigiana); Auditorium di Milano; Roma (Teatro Nazionale); Conservatorio di Milano; Venezia (Sonopolis, Teatro La Fenice); Ravenna Festival; Torino; Madrid (Centro Bellas Artes; Centro Reina Sofia); Oporto; Mexico (Festival Internacional Cervantino); Rotterdam (Igic); Tel Aviv; Jerusalem; Bucharest (Ateneum); Innsbruck (Konservatorium); Finland (Time of Music); Vienna; Sapporo; Tokyo……. spesso accompagnato da prestigiosi gruppi come l’Ensemble Koln (di cui è stato prima viola solista dal ’92 al ’96); l’Ensemble Recherche Freiburg; Ensemble Concorde Dublin; Icarus Ensemble; Roma Sinfonietta; Monesis Ensemble; Modus Novus di Madrid e da importanti orchestre come Orchestra dell’Opera di Nizza; Orchestra della Radiotelevisione di Dublino, Orchestra Internazionale d’Italia; Euroasian Philarmonic Orchestra di Seul.

Ha eseguito in prima Irlandese “Chemins II” di Berio  per viola e orchestra  con l’Orchestra della Radiotelevisione di Dublino  diretta  da Friedrich Goldmann. Il Concerto è  stato trasmesso in diretta dalla BBC Radio3.

Particolarmente attento alla produzione di musica “nuova”, importanti compositori di tutto il mondo gli hanno dedicato opere per viola, tra questi Paul Mèfano, Ennio Morricone, Luis de Pablo e Horatiu Radulescu. Di  Ennio Morricone  ha eseguito e inciso in prima mondiale il suo concerto per viola e orchestra, di Luis de Pablo,  ha recentemente eseguito in prima mondiale il brano “Anatomias” per viola e ensemble al Centro Reina Sofia di Madrid.

Ha Collaborato col “Living Theatre” di New York e con Philippe Daverio per la realizzazione degli eventi “Bologna si rivela” e “Palermo si rivela”.

Maurizio Barbetti ha tenuto  Master Class in importanti istituzioni come  all’ Irino Prize Foundation di Tokyo; Kunitachi College of Music (Tokyo);  Tokyo Gakugei University;  Toho Gakuen College of Drama and Music  (Tokyo);    Viitasaari Summer Academy (Finlandia), il Centro Nacional de Bellas Artes di Città del Messico; The Lucero Master Class a Parigi.

Ha registrato per la Sudwestfunk; SFW di Berlino; WDR di Colonia; Radio France; Radiotelevisione Irlandese; Swisse Romande; Rai, Rai Sat oltre che per gli enti radiofonici e televisivi inglesi, messicani, giapponesi, austriaci, israeliani. Ha inoltre inciso, fra le altre, per le etichette discografiche Stradivarius (Milano), Mode Records (New York) e Col Legno di Baden Baden. Il suo ultimo cd dedicato a Kurtag è stato recensito con 5 stelle da “The Irish Time” e da “The Inipendent London”

 

FRANCESCO CUOGHI   si è diplomato in chitarra presso il Liceo Musicale G.B.Viotti di Vercelli e presso il Conservatorio S.Pietro a Majella di Napoli. Ha frequentato i Seminari dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena, l’Atelier de Recherche Instrumentale dell’IRCAM di Parigi, i Ferienkurse di Darmstadt. Ha inoltre studiato composizione privatamente con Nazario Carlo Bellandi e Aldo Clementi; musica elettronica (Max/MSP) alla F.P.A. dell’Ottava di Roma. Dal 1984 è titolare della cattedra di chitarra presso il Conservatorio G.Rossini di Pesaro e dal 2007 al Conservatorio L.Cherubini di Firenze.

Suona su copie di strumenti d’epoca e vari strumenti moderni: chitarra a dieci corde, chitarra elettrica, chitarra midi. Dal 1985 ha iniziato l’esecuzione di opere con Live electronics con vari dispositivi elettroacustici. Con la nuova generazione dei microprocessori utilizza software dedicati audio-video: Max5, Csound, etc.

Svolge attività concertistica come solista e in formazioni da camera. Ha suonato in Italia e in Europa nelle rassegne: Festival delle Accademie Estere (Roma), Fabrikomposition (Zurigo), Concert de Ville (Ginevra), La chiesa di Vivaldi a Venezia (Venezia), Contemporanea-Musica nel nostro tempo (Teramo), ecc. Particolarmente attivo nella musica contemporanea ha fatto parte dell’”Ex Novo Ensemble” di Venezia, del “Gruppo di Roma”, (direttore G.Sinopoli), ha tenuto prime esecuzioni di: F.Pennisi, A.Brizzi, M.Molteni, G.Giuliano, E.Zaffiri, M.Giri, W.Branchi registrando per Edipan, Rugginenti, R.A.I.

Nel 1986 è stato tra i fondatori dell’Associazione Musicale Orphée di Pesaro per la promozione degli strumenti a pizzico (chitarra, arpa, clavicembalo, liuto) ed è direttore artistico dell’ “Ensemble Orphée”. All’interno dell’associazione ha svolto ininterrottamente attività musicale attraverso manifestazioni concertistiche, corsi di perfezionamento (Gradara, Orta S.Giulio), convegni: Minimal music, Anton Webern, Roland Barthes e la musica, Giovanna Sandri, Notazione, (Urbino, Roma); ha pubblicato articoli su: A.Hába, B.Maderna, Steve Reich, ecc.

Ha scritto varie composizioni per chitarra sola e con strumentazione elettronica. Nell’ambito della musica del Seicento, oltre a eseguire il repertorio su copia di strumenti d’epoca, ha promosso il Convegno di Pesaro (1995) sulla musica per chitarra barocca.